venerdì 29 giugno 2018

Il ritorno degli storici Twenty Four Hours con il video-single Adrian


Il videoclip promozionale del nuovo album Close – Lamb – White – Walls.

Il ritorno della storica prog/psych rock band nazionale con un brano dedicato alla figura di Adrian Borland, geniale e sfortunato Leader/Singer/Guitarist dei Sound, band fondamentale del post-punk britannico anni '80.

Genere: prog rock / psychedelic rock
Label: Musea / Velut Luna




Il testo diAdrian, pur riferendosi alle stelle del panorama musicale precocemente scomparse che vengono citate assieme adAdrian Borland, è molto criptico e pieno zeppo di citazioni da famosi brani rock di gruppi storici e da testi del primo e dell'ultimo album dei Twenty Four Hours (The Smell of The Rainy Air Left-To-Live).

Si va da Kill 'Em All dei Metallica agli antichi lupi di Extasy, inedito della band risalente al 1985, fino ai comuni amori nascosti e frantumati. Ma ampio spazio è donato alle amiche capre più vecchie e pesanti, alle confortanti campane spettrali e alla solitudine che, spesso temuta, aiuta invece molti di noi a cominciare ad amare se stessi come si deve.

Ma ci deve essere spazio anche per la Vecchia Fonderia Rossa e Il Crimine Perfetto o Il profumo dell'Aria di Pioggia, tutti titoli presi da album della band vecchi e nuovi, fino a chiudere con quello che forse è il brano più bello e rappresentativo dei Floyds orfani di Roger Waters, quella Learning To Fly un po' apprezzata da tutti.

Il brano parte con un tipico tappeto di Mellotron memore di Strawberry Fields Forever e alterna parti dolcissime con esplosioni dinamiche da brivido e una parte centrale che volutamente ricrea le atmosfere dei Cure.

Qualcuno ha detto che la voce di Robert Smith era assimilabile ad un uomo sotto tortura in una camera buia - afferma il cantante e tastierista Paolo Lippe - “Ecco... io ho cercato, cantando la parte centrale dopo l'assolo distorto di chitarra, di immedesimarsi nella tortura interiore che ha potuto soffrire uno come Borland nel momento esatto in cui ha deciso di farla finita in quell'assurda, atroce maniera. Il brano mi sembra possa essere definito come rappresentante della forma più moderna di Progressive, che non può prescindere dalla New Wave e dal Punk.”

Adrian, come tutti i brani dei Twenty Four Hours, ad eccezione di quelli del 4° album The Sleepseller, è stato ripreso e mixato/masterizzato con apparecchiature analogiche e pertanto mantiene il tipico calore di questi setup.

Grande attenzione è stata data al raggiungimento del suono più fedele e naturale possibile con limitazioni delle compressioni ed equalizzazioni e ripresa allo stato dell'arte, grazie alla maestria degli ingegneri del suono Andrea Valfrè e Marco Lincetto.


Credits: Regia di Michele Sartor, Direttori della Fotografia Michele Sartor & Marco Lincetto

Video e Fotografia: ripreso il 29 Dicembre 2017 all'interno del Magister Recording Area di Preganziol (TV), ove è stato registrato e mixato il nuovo lavoro.




Il doppio album CLOSE – LAMB – WHITE – WALLS

Il sesto album ufficiale dei TWENTY FOUR HOURS, storica band Psycho-Progressive italiana, è un album doppio, ispirato volutamente, nella forma e nella sostanza, ai quattro album bianchi più importanti della storia del rock:

  • Closer dei Joy Division
  • The Lamb Lies Down on Broadway dei Genesis
  • The Beatles (White Album)
  • The Wall(s) dei Pink Floyd

Come tutti i dischi dei TWENTY FOUR HOURS, CLOSE - LAMB - WHITE - WALLS è nato con un'anima "LIVE" durante libere composizioni e improvvisazioni alla Casa della Musica (FabLab) di Fano durante la Pasqua del 2017 per concludersi a Preganziol a Natale 2017 nella ormai "famigliare" Magister Recording Area di Andrea Valfrè, produttore assieme a Paolo Lippe di questo ultimo lavoro.

Andrea Valfrè ha curato su banco analogico (Soundcraft 3200) l'interminabile mixing dei due dischi, mentre Marco Lincetto ha eseguito, sempre in dominio analogico (Millenia Media e Maselec) la fase di mastering (APR – MAG 2018).

Il doppio album uscirà il 25 Ottobre 2018 contemporaneamente per 2 case discografiche:
- MUSEA per il mercato mondiale
- VELUT LUNA per quello Audiophile/HI-FI esclusivamente italiano


Twenty Four Hours



Contatti
antipop.project@gmail.com


Frank Lavorino 3396038451

martedì 19 giugno 2018

La tonante sveglia stoner degli Eradius con il nuovo video Timmy C.


Timmy C. una tonante sveglia targata Eradius

Il duo stoner rock anglo-italiano presenta il terzo singolo estratto dal fortunato, omonimo esordio. Omaggio al bassista dei Rage Against The Machine, Timothy Robert Commerford, il brano invita il pubblico a “svegliarsi” dalla solita routine, mostrando la propria vera natura senza aver paura dei pregiudizi altrui.

Genere: stoner rock, hard rock, funk, blues rock
Label: Resisto Distribuzione
Release Date: 18.06.2018


https://youtu.be/d_CvaXGSkp0


Gli Eradius sganciano il terzo singolo dal primo omonimo album del duo anglo-italiano uscito lo scorso Febbraio, co-prodotto da Tommaso Canazza di RH Studio.

“Timmy C” è un omaggio al bassista della storica band Rage Against The Machine, 
Timothy Robert Commerford, infatti il ritornello reinterpreta una sua frase durante un'intervista: “I'm happy, in other words, I want to wake the stupid”.

Il messaggio è chiaro: la canzone invita il pubblico a “svegliarsi” dalla solita routine, mostrando la propria vera natura senza aver paura dei pregiudizi altrui, così come si prestano a fare le comparse del video, che si ribellano dalle singole situazioni in cui inizialmente si ritrovano, lasciandosi trasportare dal martellante riff del basso.



Il video girato al The Factory di Verona, ha alla regia Francesco Ferri Faggioli della Roll In, produttore già di diversi videoclip musicali per importanti etichette discografiche; da citare anche la presenza di Atropine, il marchio veronese che veste musicisti e comparse.

Gli Eradius attualmente sono in tour promozionale, il calendario è in continuo aggiornamento, quindi tenete d’occhio la loro pagina Facebook:

21 Giugno - Festa della Musica di Mantova - Ore 18
14 Luglio - Rock Camp Festival di Trieste - Ore 15
15 Luglio – Dvorana Gustaf Pekarna, Maribor (SLO)
7 Settembre - Il Giardino (VR) in apertura ai “Grotto”(Belgio)




Biografia
Il progetto Eradius nasce a Verona nel 2016 dalla voglia di esprimersi e di comporre musica originale di Richard (Londra, classe 1994) e Edoardo (Verona, classe 1991). La loro particolare formazione si ispira alla formazione britannica dei Royal Blood che, utilizzando un originale sistema di pedali, riesce a simulare la presenza di una chitarra e di un basso contemporaneamente. Il genere si lega anche a gruppi come Rage Against The Machine e Tool, portando con sé tutte le influenze raccolte nel corso degli anni dai due musicisti su numerosi palchi e con diverse formazioni, non solo rock. Infatti i due suonano già insieme in un gruppo cover Blues/Swing da tre anni, e con questa formazione hanno fatto più di 150 date in tutta Italia. L'intenzione è quella di esprimere se stessi con il linguaggio che più è congeniale, facendosi ascoltare il più possibile.


Contatti
antipop.project@gmail.com
Frank Lavorino 3396038451

martedì 5 giugno 2018

Entro Mercoledì: il ritorno del raffinato cantautore Alessandro Orlando Graziano





Primo singolo tratto dal nuovo album in arrivo del raffinato artista romano, cantautore che coniuga la ricercatezza letteraria a quella vocale. Un brano che ne segna il ritorno e affronta il tempo e il suo scorrere, la soggettività che noi esercitiamo su di essi.

Genere : Pop d’autore
Label : Paradigma Music
Relase Date 04/06/2017




Anteprima dell’album Voyages Extraordinaires, Entro mercoledì è prodotta con la collaborazione della cantautrice Diana Tejera. Tastiere anni 80, la tromba e le chitarre rock, si inseguono in un divenire di strofe filastrocca in cui poetico, il basso e l’alto si alternano in una giostra di ipnotica ironia.


Il videoclip è realizzato dai giovani producer ILLOGICA. Nasce da un’idea di Graziano, ritrovare le atmosfere vintage dei pionieri dei primi video musicali, che, pur limitati nella tecnologia, si lanciavano verso proposte creative e ingenuamente sincere. Gli sfondi nei quali si muove l’interprete sono disegni dello stesso, territori immaginari con cieli post atomici, palcoscenici di calma apparente.







Biografia di Alessandro Orlando Graziano

Nasce a Roma, frequenta l’Accademia di Belle Arti, fa l’ingresso nel mondo della musica con un primo lavoro interamente scritto ed interpretato da lui, nel 1999 pubblica infatti per la Virgin Music Italy il singolo Da due ore non ti amo più e poi l'album Nella valle della distrazioneNel 2001 co produce un album tributo alla cantautrice Rettore, interpretando una cupa nuova versione di “splendido splendente” inizia contemporaneamente la collaborazione con la cantautrice Diana Tejera.

Nel 2006 anticipando di qualche anno le tendenze musicali, diffonde gratuitamente sulla sua piattaforma digitale il suo secondo album “Old Europe” accompagnato da un “self videoclip” pionieristico della canzone “Radio Interferenze”.
Dopo esperienze come autore e molti concerti, nel 2007 scrive e produce Aeroplani ed angeli, ultimo album della cantante Carla BoniNel 2011 esce Aspettando la grandine raccolta di inediti, con la partecipazione di Alessandro Benvenuti, Collabora con Gianni Maroccolo partecipando al progetto “debut”. Nel 2012 il trio italiano IL VOLO riprende ed esegue in una serie di concerti nel mondo la sua canzone Magnificat precedentemente scritta per l’album Terra mia di Gennaro Cosmo Parlato.

Nel 2014 Graziano è autore per ANTONELLA RUGGIERO nel Festival di Sanremo con il brano “da lontano” per l’artista firma anche “il palpito di questa felicità” eseguito dalla Ruggiero in duetto con Elio e le Storie Tese nella trasmissione “il musichioine”. Nel 2015 esce l’album “Onironautica” un lavoro interamente registrato con l’ausilio di tastiere vintage, primo singolo estratto “sono un fenomeno paranormale”.

Nel 2016 partecipa al disco tributo ad Ivan Cattaneo “un tipo atipico” rielaborando “pomodori da marte” canzone del 1975.



Contatti
antipop.project@gmail.com
Frank Lavorino 3396038451

venerdì 1 giugno 2018

Mc Sof - O'Rep – Dr.Ketamer - “PE' MADAM EP”


Il duo di rappers napoletani del progetto “repererrorerepper”, mc Sof e O'Rep, si unisce al dj/producer partenopeo Dr.Ketamer: sette tracce che vanno a toccare tutte le corde classiche del rap. L'EP del trio partenopeo, che vanta la partecipazione del noto Cuba Cabbal, è stato presentato il 1 giugno al Moses Live Club di Napoli. Sul palco, oltre a Cuba stesso, anche il celebre newyorkese Ruste Juxx.

Genere: rap
Label: KML

Streaming https://kmlofficial.bandcamp.com/releases


Pe' Madam Ep, in uscita per la label KML, è il frutto della collaborazione tutta partenopea tra il duo artistico mc Sof e O'Rep e il dj/producer Dr.Ketamer.

7 tracce hip hop e un bonus drum'n'bass compongono l'EP, andando a scandagliare un po' tutte le corde classiche del genere. La poetica rimane la stessa del progetto “repererrorerepper” di mc Sof e O'Rep: essendo i due ragazzi anche degli appassionati graffiti writers, condividono da tempo l'amore per la grafica dei nomi palindromi, come suggerisce quello del loro progetto iniziale e che rimane come concept per la scelta di tutti i titoli dei pezzi compreso quello dell'album stesso: PE' MADAM EP.

Oltre a soddisfare il concept palindromo, il titolo vuole fare riferimento a varie “MADAM”. In copertina infatti vediamo il “madam tussaud” diventato ormai uno degli edifici iconici di Amsterdam, dove l'intero album e' stato registrato nello studio Hal5. Ma ADAM è anche un nickname di Amsterdam stessa, mentre sempre in copertina vediamo l'altro riferimento alla “madama” come a volte viene chiamata in gergo la polizia.

Il primo video-single estratto dall'EP è la opener Attici di città, che in poche settimane ha superato le 10.000 views: https://www.youtube.com/watch?v=dPjHN6d0gyU

Gli appassionati che compreranno il vinile si ritroveranno 7 tracce rap su un lato a 33rpm, mentre una sola traccia D'n'B sull'altro a 45 rpm, ma che se qualche curioso dovesse mandare a 33 rpm scoprirebbe non essere altro che la strumentale della prima traccia velocizzata. Senza dubbio un bel bonus per i dj e quant'altri si dilettino a giocherellare coi piatti.

Mc Sof https://www.facebook.com/mcsofficino/
O'Reppat https://www.facebook.com/oReppat/
Dr. Ketamer https://www.facebook.com/alessio.durso.16144
KML https://www.facebook.com/klanmuziklab/

A parte sfoggiare un bellissimo cameo di Cuba Cabbal, noto rapper dell'undergound italiano old school sull'ep stesso che è stato presentato al concerto di release il 1 giugno a Napoli da Cuba in persona, i tre ragazzi napoletani con l'aiuto della loro nuova etichetta hanno portato come ospite d'onore all'evento Ruste Juxx, il quale ha annunciato le sue future collaborazioni con loro e con la label.


Tracklist
1. Attici di città
2. E se ha plebe non è bel paese (feat. Cuba Cabbal)
3. Origini in giro
4. È capace
5. Hai noia h?
6. Alunno o nulla
7. E divide
8. Attici di città (D'n'B Remix)




Biografia

Mc Sof

Fabio Caliendo alias "Mc Sof" è un ragazzo partenopeo anno '79 che sin dall'adolescenza è solito praticare lo skateboard e i graffiti, discipline appartenenti sia alla cultura punk che a quella hip hop. Col passare del tempo sceglie la seconda via e con altri amici dj e writer dà vita nel '97 alla crew "W B"(Waller Bomber). Comincia a girare e suonare con artisti della scena hip hop del nord Italia come Dj Gruff Dj Skizo e tutta l'Alien Army. Nel 2014 produce “Repererrorrereper" con la collaborazione di O' reppat e le strumentali di Wedo beat's; nel 2015 è la volta dell'album "OmississimO", con le strumentali prodotte interamente da Oyoshe aka Oyo beat's. Attualmente vive ad Amsterdam, dove con il suo beatmaker (Dj) Dr Ketamer della KML e O' Reppat farà uscire “Pè Madam EP”, un omaggio alla città olandese e al suo famosissimo museo "Madam Toussoe" nonché a tutte le relative "madame".




O'Reppat

Giuseppe della famiglia Bocchetti classe 1988 conosciuto come “O’Reppat” inizia ad avvicinarsi alla cultura hip hop sin dalla tenera etá di dieci anni suggestionato dal movimento posse. Tra le sue collaborazioni: “Repererrorrereper” album prodotto nel 2014 con la collaborazione di Mc Sof e le strumentali di Wedo beat’s; nel 2015 “Campo pé Nun Murí” track 12 Album – 2015 “Psico Sadix” O’Reppat feat sadix “ blasted life” O’Reppat attualmente vive in posti occupati a Napoli e tra lavoro (edilizia, ristorazione) e artecollabora con (Dj)Dr.Ketamer della KML e Mc Sof nella produzione “Pè Madam EP”, che come di consueto porta l’innovazione di un titolo palindromo.


Dr. Ketamer

Dj/producer nato a Napoli il 18 febbraio 1977, a 20 anni viaggia in tutta Europa organizzando spettacoli di giocoleria e col fuoco soprattutto in ambito rave party. Dal 2000 collabora e suona con diversi soundsystems. Nel 2017 comincia a produrre nuovi beat per Mc Sof, fonda la label KML, cambia il nome da dj Ketamer a dr. Ketamer e organizza un concerto per inaugurare la label con Rockness Monster e Lord Digga, coppia di mostri sacri dell'underground boom bap newyorkese, e i suoi due nuovi artisti Mc Sof e O'Reppat. Si butta a capofitto nella realizzazione del prossimo EP dei suoi due mc, per la release del quale organizza un concerto con ospiti Cuba Cabbal e Ruste Juxx.


KML

La label nasce da una lunga esperienza, in prima linea in tutta Europa e non solo, dietro imponenti sound e nell'organizzazione di eventi d'aggregazione autoprodotti con il perseguimento di un'unica passione, la Musica. L'etichetta si prefigge di produrre, promuovere e sostenere, con tutte le sue forze, gli artisti nella sua orbita. KML sta per Klan Muzik Lab, ovvero il laboratorio musicale del clan o anche da intendersi come 3 elementi. Il clan (visto come gruppo di artisti) la Musica (il collante) e il Laboratorio (il luogo della creazione scientifica/artistica.



Contatti
www.facebook.com/BlobAgency
antipop.project@gmail.com
Frank Lavorino 3396038451

giovedì 17 maggio 2018

Ekat Bork: il ritorno della musa di ghiaccio con nuovo EP e lungo tour europeo


Il ritorno della musa di ghiaccio è ormai alle porte con il nuovo EP “Kontrol” previsto ad ottobre, anticipato dall'omonimo video-single out il 17 maggio in concomitanza con un lungo tour europeo.

Genere: electro-pop / art-rock /electronic
Label: Ginkho Box
Release Date: 17.05.2018





Quest'anno Ekat Bork ha visto il mondo dal Green House Studios di Reykjavik, dove ha registrato, con il suo produttore di lunga data Francesco Fabris, usando anche sistemi modulari, il suo nuovo EP “KONTROL”. Nel corso degli anni i due amici hanno stabilito un'insolita alleanza di suoni elettronici e umani nel contempo scioccante, seducente e assolutamente loro.


I video straordinari e le sensazionali, turbanti esibizioni dal vivo hanno dato alla sua musica una cornice visiva che ha sedotto un crescente pubblico di devoti in tutta Europa. Tutto ciò che riguarda Ekat Bork suscita emozioni edificanti e sconvolgenti.

Il video-single "KONTROL" uscirà il 17 maggio quando inizierà il suo lungo tour europeo ed è il primo dei due singles dell'omonimo EP che distilla le sue osservazioni più recenti.

“”Perché accettiamo un mondo in cui la nostra identità è compromessa, la privacy venduta per il profitto altrui, dove la tecnologia vince? Perché temiamo i robot quando stiamo diventando noi stessi robotici? Credo ancora che ci siano anime ribelli là fuori ... Evoluzione? No! "Revolution!””

KONTROL è, come sempre, intransigente. Ekat domanda: “Fa parte della nostra natura essere controllati?”

Nessuno controlla Ekat Bork.


European Solo Tour

May 17 – Pit, Bellinzona (CH)
May 19 – D!Club, Lausanne (CH) 8x15
May 20 – Titans Club, Lens (BE)
May 21 – Secret Show, Liegi (BE)
May 22 – The Bacchus, Chateau – Terry (FR)
May 23 – Rocas, Luxemburg City (LUX)
May 25 – B52, Eernegem (BE)
May 26 – Cafe Canada, Antwerpen (BE)
May 27 – Cafe Bluff, Heerlen (NL)
Jun 14 – Volmerange-Les-Mines (FR)
Jun 15 – TEK Summer Festival 2018, Hannover (DE)
Jun 16 – TEK Summer Festival 2018, Hannover (DE)
Jun 18 – Underground, Erensee (AT)
Jun 20 – Underground Disco, Beocin (SRB)
Jun 21 – Budapest (HU)
Jun 22 – U Fedora, Sokolov (CZ)
Jun 23 – 6K FEST!, Liegi (BE)
Jun 24 – The Cave, Amsterdam (NL)



BIOGRAFIA
43°48'N131°58'E. Inverno. Tigri e leopardi delle nevi rovistavano nei container dei sobborghi. Ekat Bork è nata qui con la Cina ad ovest, il Mar del Giappone ad est e Mosca a 6000 miglia di distanza. Come i grandi felini della sua città ha rovistato, sopravvissuto e pianificato la sua fuga. Ha impacchettato tutto ciò che aveva, ha rubato i soldi dalla borsa di sua madre e ha preso la Transiberiana per San Pietroburgo. Ci sono voluti nove giorni. Ma il suo viaggio verso la libertà ha richiesto molto più tempo. Ha suonato nella metropolitana e per strada con band senza nome. Ha lavorato ed è stata licenziata perché cantava invece di vendere. È fuggita di nuovo...in Svizzera.

Qui Ekat esprime se stessa scrivendo musica, testi e arrangiamenti. Tra ottobre e dicembre 2013 si è esibita con Eric Martin e Jannifer Batten in concerti acustici ed elettrici in un lungo tour europeo. Nel giugno 2013 è uscito il suo primo album "VERAMELLIOUS" prodotto dall'etichetta indipendente GinkhoBox. Nel 2014 ha raggiunto i palchi più importanti della Svizzera come il Gurten Festival, M4music, Label Suiss. Nel 2016 esce il nuovo album "YASДYES" che ottiene numerosi consensi dalla critica internazionale, veicolato con fantastiche esibizioni dal vivo in tutta Europa.

Alla fine del 2017, Ekat trova un nuovo ambiente per ispirare il suo prossimo progetto, in pochi mesi è emerso "KONTROL", un EP di intense atmosfere elettroniche previsto per ottobre 2018 sostenuto dal primo SOLO Tour europeo dal 17 maggio al 24 giugno e anticipato da due singoli, avvolti dai suoi video provocanti: la title-track il 17 maggio e "ZHIVAGO" il 21 settembre.


CONTATTI
Album “YasDyes” press http://www.ekatbork.com/press/



BLOB AGENCY PRESS MEDIA OFFICE
antipop.project@gmail.com
Frank Lavorino 3396038451

martedì 15 maggio 2018

Il puro punk 77 dei The Twinkles ritorna con il nuovo album We Come Along


“We Come Along”, il nuovo album degli storici punkers veneti capitanati dall'attivissimo Nick Mess, è ormai alle porte. 10 “anthem” che restano impressi nella mente racchiusi nel filone dell'omonimo singolo e nel suo importantissimo messaggio: “Spazio e possibilità di suonare a chi crea musica propria”. 


Genere: punk 77 
Label: Rocketman Records 
Distribuzione digitale: Tunecore 




Il nuovo album dei The Twinkles contiene 10 brani nel classico stile della band, puro punk 77 ricco di melodie e cori sensazionali che fanno tornare in mente formazioni come Boys, Ramones, Undertones, Vibrators, Cock Sparrer, Skids, 999.

10 anthem che restano impressi nella mente racchiusi nel filone del singolo “We Come Along” e nel suo importantissimo messaggio: “Spazio e possibilità di suonare a chi crea musica propria”. Non è un caso che anche l’album abbia lo stesso titolo “We Come Along”, proprio per rendere forte e chiaro ciò che la band sta portando avanti. Ora non vi resta altro che alzare il volume e scatenarvi con l’irresistibile suond dei The Twinkles!

Sulle loro spalle una storia ultraventennale, iniziata col demo tape "Demo", nel marzo del 1998 e portata avanti tra riconoscimenti illustri, come la selezione tra le 2.212 band che hanno partecipato al contest dell’Heineken Jammin Festival e che li ha fatti suonare con Metallica e Lacuna Coil.

In mezzo, tanta celebrità internazionale con picchi di vendite in Giappone, ma anche tour che li hanno portati in tutta Europa, con particolare attenzione nei paesi nordici come Germania, Inghilterra, ma anche Austria, Repubblica Ceca e Slovacchia

Official Website http://www.thetwinkles.it/ 

Dopo il concerto @ Home Rock Bar di Treviso del 29 marzo, i The Twinkles sono attesi il prossimo 27 ottobre fuori dai confini nazionali @ Freiraum, Saint Polten – Austria.





Tracklist 
1. Ludwig The Punk 
2. We Come Along 
3. No More Faith In You 
4. Bubblegum Girl 
5. Your Time Has Come 
6. C’est La Vie 
7. Fantasy Is My Mistress 
8. Rich Girl 
9. Naughty Lady 
10. I Don’t Wanna Wake No More All Alone 



Biografia 
I Twinkles si formano nell’ottobre ’96. La band è capitanata dall’attivissimo chitarrista Nick Mess ed è votata al più puro punk rock di marca settantasettina. Dopo molti live in Italia dal giugno 2000 debuttano anche all’estero. Da questo momento la band suonerà in lungo in largo per mezza Europa raggiungendo moltissimi consensi. Due i tour principali, nel 2005 e nel 2006 che toccano Austria, Slovacchia, Repubblica Ceca e Germania. 

In Italia hanno effettuato memorabili performance tra le quali vale la pena ricordare quella in Piazza Giorgione a Castelfranco Veneto (14 ottobre 2001 davanti a 2000 persone) e quella in piazza dei Signori a Treviso (1 febbraio 2002 davanti a 5000 persone). 

Nel 2004 partecipano a tre concorsi: Rockon, Emergenza Festival e Arezzo Wave. In quest’ultimo riescono a conquistare uno storico terzo posto nella finale regionale del Veneto. 

Ma le soddisfazioni non sono ancora finite: la punk rock band arriva alla finalissima dell'Heineken Jammin' Festival Contest, dopo essere stata scelta tra 2212 band in tutta Italia! I Twinkles suonano sul second stage allestito all'interno del Green Village, sabato 17 giugno (Headliner: Metallica + The Darkness, Avenged Seven Fold, Lacuna Coil, Living Thing, Trivium). Sicuramente il risultato più importante nella carriera dei Twinkles. 

A fine 2007 partecipano ad un altro concorso, Ritmi Globali Europei. Anche qui dopo quattro esibizioni dal vivo giungono alla finalissima al Teatro Sociale di Treviso e vincono il premio della critica ad aprile 2008. Nell’estate 2008 l’etichetta austriaca Dambuster Records ristampa il primo e secondo cd della band.

Nel 2009 c’è il terzo tour europeo che fa debuttare la band per la prima volta in Svizzera. A gennaio 2010 i Twinkles si spingono nel sud Italia suonando a Taranto. A marzo 2010 avviene lo storico sbarco della band nella terra in cui è nato il punk, l’Inghilterra. Tre le date: Nottingham, Kettering e Londra dove i Twinkles supportano una delle più importanti punk band inglesi, i 999.

Dal 2011 fino al 2016 la band continua la sua attività live concentrandosi in Italia. A luglio 2016 esce il nuovo singolo “We Come Along” che raccoglie numerose recensioni e viene presentato all’Home festival di Treviso. L’onda di successo del singolo porta la band a suonare dal vivo per la prima volta nella propria storia in Norvegia a Novembre e al mitico festival “Kids and Heroes Punkrock x-mas 2016” a Praga a dicembre. Nello stesso tempo si concludono le riprese del prossimo singolo “I Don’t Wanna Wake No More All Alone” che esce a fine dicembre. Un’altra perla per i Twinkles che rimane 10 settimane consecutive nella top 10 della classifica europea delle etichette indipendenti e giunge per ben due volte al numero 2.

Il 2017 inizia con due mini tour in Francia, Inghilterra e Germania. A luglio esce “C’est La Vie”, il terzo video della band. Ma rimanete sintonizzati su Radio Rock, la storia continua…. 


Contatti 
antipop.project@gmail.com 
www.facebook.com/BlobAgency 
Frank Lavorino 3396038451

martedì 8 maggio 2018

Manovalanza: Last Live at Terrazza Sul Lago 2018 e tour mondiale estivo in arrivo


Il gruppo ska-punk toscano, con alle spalle dodici anni di carriera e oltre duecento concerti anche oltreconfine, presenta l'album dal vivo in occasione dell'ultima serata di chiusura nello storico locale aretino e si prepara ad una tournée che tra fine maggio ed agosto toccherà Italia, Germania, UK, Messico e Svizzera.

Genere: ska-punk
Label: Impacto Records
Release Date: 07.05.2018


Streaming


Manovalanza, gruppo ska-punk italiano nato nel 2006 con alle spalle dodici anni di carriera, quattro album in studio e oltre duecento concerti fra cui spicca la tournée in Messico del 2015, presentano l'album registrato dal vivo presso La Terrazza sul Lago, in occasione dell’ultima serata di chiusura dello storico locale in provincia di Arezzo, punto di riferimento per la musica dal vivo del centro Italia.

Proprio dodici anni fa in questa location iniziò la lunga carriera artistica dei Manovalanza, che hanno suonato sul posto sei volte fra le quali anche la presentazione del terzo album in studio Tragicomìa. Con estremo rammarico per la chiusura di un locale che rappresentava l’intera scena musicale valtiberina, i Manovalanza hanno deciso di rendere onore alla Terrazza sul Lago (il nome prende spunto dal bellissimo lago di Montedoglio, simbolo naturalistico della Valtiberina) registrando il concerto con audio multi-traccia e riprendendo con diverse telecamere la serata. La registrazione audio è stata curata da Francesco Varzi (tecnico live) e Riccardo Pasini dello Studio 73 di Ravenna (post produzione con missaggio e masterizzazione), mentre le riprese ed il montaggio video sono state curate da Low Party Production, videomakers di Sansepolcro (AR) con cui i Manovalanza collaborano da diversi anni, avendo realizzato pure il DVD-documentario del tour in Messico del 2015.


E con immenso piacere, la band presenta ora il risultato che ne è venuto fuori. Last Live at Terrazza sul Lago racchiude tutto ciò che rappresenta un concerto dal vivo dei Manovalanza. Il singolo di lancio è Che gioia il buio, canzone tratta dall’album Tutto Contro del 2013.


"Che gioia il buio parla di un trentenne che, rifiutato dal mondo, vive di solitudine notturna, freddo, e passeggiate per il centro storico deserto a notte fonda, ricordando con amarezza i bei tempi andati, e facendo della propria solitudine una bandiera, vedendola come un motivo di vanto anziché come una menomazione, come può sembrare agli occhi del mondo."




Biografia
I Manovalanza sono un gruppo ska-punk italiano attivo dal 2006. In 11 anni di carriera la band ha pubblicato 4 album e collezionato oltre duecento concerti, fra i quali un tour in Messico nel 2015. Il primo goliardico album dal titolo Anziani a vent'anni è stato pubblicato nel 2011, in auto produzione. Il secondo album Tutto Contro, più ponderato e critico, è datato ottobre 2013, sempre in auto produzione. Nel 2014 i Manovalanza hanno pubblicato uno split album internazionale dal titolo Boleto Redondo, iniziando poi una collaborazione con l'etichetta messicana Impacto Records. Nel 2015 la band è stata in Messico per un tour di due settimane con un totale di 10 concerti. Nel 2016 in occasione del decimo anniversario di attività è uscito il terzo album della band, dal titolo Tragicomìa. Nel 2017 la band ha pubblicato un libro dal titolo "La buena onda" che narra insieme ad un DVD le vicende del tour messicano del 2015. Il libro è stato presentato in una conferenza stampa presso il Comune di Sansepolcro alla quale è seguito un tour di presentazioni e concerti in giro per il centro Italia. Dopo il tour i Manovalanza sono tornati allo Studio 73 di Ravenna per le registrazioni del quarto disco dal titolo Anancasmi, un concept album dedicato ai disturbi ossessivo-compulsivi. L’album è uscito il 31 luglio 2017 sia in Italia che in Messico con la coproduzione fra Manovalanza e Impacto Records. Attualmente la band è in tour in tutto il mondo per la promozione del nuovo lavoro discografico Last Live at Terrazza sul Lago, pubblicato il 7 maggio 2018.


Contatti
antipop.project@gmail.com
Frank Lavorino 3396038451